Scale a chiocciola: ingombro ridotto

scala a chiocciola

Le scale a chiocciola sono da sempre sinonimo di ingombro ridotto: sviluppandosi attorno ad un palo, per quanti gradini possano avere, occupano sempre lo stesso spazio.

Questo tipo di scala può essere realizzato a pianta circolare oppure a pianta quadrata.
Possono essere prive di ringhiere quando attorno ad esse vi è presenza di pareti, ma sono sempre complete del cosiddetto “sbarramento” o “balaustrino” sul pianerottolo di sbarco.

Le scale a chiocciola sono realizzate in vari diametri di serie oppure su misura, da un minimo di 100 cm., dimensione che risulta però essere molto ridotta e comporta una certa difficoltà di percorrenza. Il diametro minimo necessario per avere un passaggio comodo, senza mettersi di traverso, è di 120 cm. Il foro da praticare sul solaio deve essere necessariamente più grande del diametro della scala. La misura ideale è di 5 cm. in più.

Anche se può risultare intuitivo è bene ricordare che per la scala a chiocciola a pianta quadrata è indispensabile un foro quadrato, mentre per la scala a pianta circolare vanno bene sia fori quadrati che rotondi, purchè ottenuti mediante l’impiego di una sagoma o cerchione metallico o in legno che possa rendere una forma regolare. Naturalmente una lavorazione del genere è più impegnativa ed onerosa per chi la deve eseguire.

Share this post
  , , , , ,